FEDERVOLO2005


Vai ai contenuti

agevolazioni viaggio

Cari Amici,
dato che siamo sempre attenti alle esigenze di tutti, questa volta ci occuperemo dei dipendenti Alitalia in cassa integrazione e di tutti i pensionati del Gruppo Alitalia.
Nel passaggio da Alitalia a CAI è stato firmato un accordo, il 14 novembre 2008, nel quale tra l'altro veniva riconosciuto il diritto per tutto il personale Alitalia, di beneficiare delle agevolazioni di viaggio.
Inizialmente sia i pensionati che i cassaintegrati Alitalia potevano usufruire delle stesse agevolazioni di viaggio dei dipendenti CAI.
Ma improvvisamente, dal 4 novembre 2009, a seguito di una comunicazione aziendale, venivano tolte le agevolazioni sui biglietti delle altre compagnie, i cosiddetti biglietti ZED (Zonal Employee Discount) e ID (Industry Discount).
Da quella data in poi ci sono state richieste private, formali e sindacali nei confronti della CAI per riuscire a riavere ciò che era stato stabilito.
La CAI dava risposte evasive scaricando la colpa sulla IATA, continuando comunque a non rispettare l'accordo.
Alcuni colleghi in pensione ed altri in cassa integrazione provavano a sollecitare i sindacati al fine di ristabilire le regole, ma inutilmente.
Ad inizio anno abbiamo preso contatto con uno studio legale internazionale e gli abbiamo sottoposto la questione; si sono resi disponibili ad accettare l'incarico, considerando che questa problematica riguarda anche tutti i dipendenti e pensionati Alitalia sparsi nei vari scali e nelle altre parti del mondo; molti di loro, proprio in seguito alla mancata possibilità di usufruire dei biglietti ZED, si trova in grosse difficoltà nel tornare in Italia.
Pertanto attraverso la FEDERVOLO abbiamo preso accordi con questo studio legale e siamo pronti a far partire la causa.
L'azione legale ha come obiettivo il ripristino degli accordi presi, e la conseguente riattivazione delle agevolazioni di viaggio per tutti coloro che faranno la causa.
L'aspetto particolare dello studio legale internazionale a cui abbiamo affidato l'azione legale, riguarda la possibilità di far fare la causa a tutte le persone sparse per il mondo, presso la loro nazione di residenza, nel caso in cui non avessero la possibilità di venire in Italia.

Per esempio è già iniziata la causa per i dipendenti Alitalia dello scalo di Parigi, chiaramente con il nostro studio legale.
Fortunatamente la giustizia in Francia è molto più rapida di quella italiana, quindi ci aspettiamo tempi più brevi.
Inoltre, se qualcuno di voi è in contatto con dipendenti e pensionati Alitalia in ogni parte del mondo può contattarci, o farci contattare alla seguente mail: federvolo@gmail.com
In questa maniera possiamo raggruppare le persone in ogni nazione e formare gruppi con costi molto più bassi rispetto al singolo, e attraverso il supporto del nostro studio legale abbiamo la possibilità di avere contatti con altri avvocati in tutto il mondo.
Chiaramente la maggior parte delle persone si trova in Italia, pertanto per coloro che fossero interessati, forniamo i dettagli per poter partecipare.
I documenti necessari per aderire alla causa sono:
1 - Copia Passaporto o Carta d'Identità
2 - Copia Codice Fiscale
3 - Copia Badge Alitalia
4 - (Per i cassaintegrati) copia lettera collocazione in CIGS

Documenti facoltativi, ma utili per la causa:
Copia e/o ricevute di biglietti acquistati per voli con altre compagnie, prima della sospensione (4 novembre 2009).
Il costo è di 140€ a persona.
La sede della Federvolo sarà a disposizione per tutti coloro che vorranno partecipare all'iniziativa per la consegna dei documenti.
Nel prossimo messaggio vi indicheremo i giorni di maggio in cui saremo presenti nella nostra sede, che si trova ad Acilia, in V. Amedeo Bocchi, 300.
La nostra associazione, che non è un sindacato, si basa sul volontariato e non ha la possibilità di essere disponibile tutti i giorni della settimana.
Ci scusiamo in anticipo.


Own made site design-Oggi è il - Ultimo aggiornamento 02 dic 2017

Torna ai contenuti | Torna al menu